Per i nostri amici di Sharingistheway, Roberto ci racconta il leitmotiv dei suoi viaggi. La riscoperta di carta e penna nell’era del digitale. Una goccia di inchiostro in un oceano di ricordi.


 

Non tutti i tesori sono di oro e di argento. Il mio ad esempio è di carta e inchiostro. Si tratta del mio Diario di viaggio. In esso c’è molto di più del resoconto del mio viaggio. C’è molto di più della trascrizione dei miei pensieri. Nel mio diario c’è vita. Ebbene si, nei miei viaggi con il mio diario catturo vita. Catturo emozioni e pensieri e li sigillo per sempre al suo interno. Ma non rubo niente. Semplicemente chiedo. La caccia consiste in questo. Sempre nei miei viaggi mi è capitato di incontrare persone interessanti che vengono da lontano, ma non geograficamente, ma per ricchezza di esperienze, provenienti da ogni dove. A queste persone chiedo se possono farmi una dedica. Qualsiasi cosa che vogliono scrivere per me.

From Robert to Roberto: we both hate all dictators, we both love wine, Italy and beautiful girls. Don’t obey to anyone and don’t stop writing! I wish you a wonderful life!”

Dedica scritta da Robert, un inglese conosciuto ad Istanbul, anch’egli cacciatore di ricordi col suo diario dal 1986.

 

La nascita del diario

Mi trovavo in una pasticceria ad Istanbul, a mangiare Kadayif quando mi si avvicina il proprietario con la sua agenda personale. Mi chiede se posso scrivergli il mio nome. Così, per ricordo. Non so perché ma quel gesto mi ha dato una strana sensazione, mi ha fatto piacere. Per un momento ho condiviso qualcosa con una persona prima ancora di conoscere il suo nome. Mi è venuto spontaneo chiedere se poteva fare altrettanto sul mio quaderno in cui annotavo il resoconto del mio viaggio. Aral, era questo il suo nome. Me lo sarei ricordato anche io.

img-20161101-wa0003

Da allora iniziai a viaggiare accompagnato dal mio diario. Tuttavia tutte le persone che ho incontrato da lì in avanti non mi hanno lasciato solo il loro nome, ma anche una dedica, un messaggio… come quelli che potrai leggere qui di seguito.

 

Un messaggio dopo l’altro:

 

“Libertà”

Roberto rock the hell out of every situation! The truth and the love is the answer. You can only love people if you love yourself

Ragazzo tedesco conosciuto in una chiesa sconsacrata in Scozia. Erano tre anni che era in viaggio senza una meta e viveva facendo l’artista di strada. Conoscerlo mi ha dato un senso di libertà. L’eterno viaggiare libero da ogni vincolo. Lo ricorderò sempre con spensieratezza.

 

“Piacere della scoperta”

Vivi pensando que las mejores personas de tu vida todavia no las conoces”

Dedica scritta da Victor, spagnolo di Alicante conosciuto a Edimburgo. Non voltarti. Non fermarti. Non sai mai cosa ha in serbo per te il futuro. Ogni persona ha qualcosa da darti, nuovi ricordi futuri. Scopri. La caccia continua.

 

“Reciprocità”

 “A una persona che ha imparato a gioire delle piccole cose della vita così come delle grandi, che ha trasformato una giornata in un’avventura e un amico in un eroe… A una persona che dà gusto in modo sguaiato ma allo stesso tempo dolce… Possa tu continuare a volare alto, continuare a sognare e continuare ad essere come sei”

Dedica scritta dal mio amico Marco a Roma. Non solo nuove persone, ma anche amici di una vita riescono sempre a stupirti regalandoti sempre nuovi ricordi inaspettati.

img-20161029-wa0002

 

 “Condivisione”

“ There are only few moments which are important in life. You were one of these moments, Roberto”

Kasha ragazza polacca conosciuta a Lisbona. Solo un giorno insieme. Un esperienza condivisa. Forse non ci rivedremo mai più. Ma il suo ricordo sarà sempre con me all’interno del mio diario.

 

Consiglio al lettore

Quando ogni viaggio finisce e rimango solo nella mia stanza, nei momenti più tristi e malinconici mi capita di rileggere i miei diari. Non importa se mi metto a rileggere il diario dell’Irlanda, della Turchia, del Portogallo, Scozia… Tutti i miei diari hanno un comune denominatore: Tengono vivi i miei ricordi. La stessa parola ricordo deriva dal latino cor cordis che vuol dire cuore. Ricordare non è pensare solamente ai luoghi e alla facce delle persone, ma anche alle emozioni che hai provato in quel momento che nessuno ti potrà mai togliere e rimarranno con te per sempre.

Spero, futuro viaggiatore, che anche tu possa condividere questa fantastica esperienza con un tuo diario, il tuo futuro   tesoro. Non ne rimarrai deluso… fidati, parola di un cacciatore di ricordi.

img-20161029-wa0001

Roberto, Cacciatore di Ricordi e il suo Diario.

ˆTutte le dediche riportate nel testo sono state trascritte fedeli all'originale

 

L’autore di oggi per Sharingistheway:

Roberto, nato a Milano, viaggiatore (con poco), con carta e inchiostro scandisco il tempo della mia vita. 

 

The following two tabs change content below.
Riccardo Milani

Riccardo Milani

Sociologo del clan della circoscrizione Clarina, ho trovato la mia strada in terra iberica dove ho frequentato con successo un Master in Criminologia. Mentalità da erasmus e ambizioso di natura, ho scoperto la bellezza del vivere assieme e nella legalità.

Pin It on Pinterest